Formazione

Frate Patrizio: senza Eucaristia non avremmo la Chiesa

Dobbiamo rivolgere tutta la nostra attenzione a questo mistero, a questa presenza viva di Gesù in mezzo a noi, e nutrirci di Lui.

comshalom

Nella solennità del Corpus Domini non si celebra un ricordo del passato, ma la presenza viva di Gesù. Prima tornare al Padre, durante l’Ultima Cena, nel suo congedarsi, Egli ebbe una creatività unica che viene solo dall’amore. Una creatività che deve aver maturato lentamente nella sua coscienza di Figlio dell’uomo e Figlio di Dio, quando deve aver pensato, anche con un po’ di angoscia, alla domanda: sarò crocifisso, morirò e tornerò al Padre. Cosa lascerò ai miei discepoli come presenza permanente e sicura del mio amore?

In verità aveva già dato qualche accenno a quello che voleva fare, ma loro non l’avevano capito, anzi, l’avevano interpretato male: “Come puoi darci la tua carne come vero cibo, e il tuo sangue come vera bevanda? “. Ma, nell’Ultima Cena Gesù, compreso che era giunto il momento, il tempo opportuno, celebrò la prima Eucaristia vivente, essendo Lui ancora presente tra i suoi. Non avremo mai la capacità di comprendere questo gesto di amore e di fede che racchiude tutta la nostra speranza e ci nutre nel cammino della vita.

C’è una logica in tutto questo. Una comunione di vita. La vita ha molte sfaccettature e, per questo, parliamo di vita intellettuale, psicologica, umana, spirituale e così via. Infine, tutte queste vite devono avere un’esistenza equilibrata e di qualità, essere ben alimentate. Qual è il nutrimento della vita intellettuale? Vincere l’ignoranza, l’analfabetismo. Proprio come quello della vita umana è avere una dieta equilibrata, un clima sano, ecc. E qual è il nutrimento per avere una vita spirituale di qualità? Questa non è una domanda retorica o inutile, ma fondamentale. La nostra anima, il nostro spirito, hanno bisogno di nutrirsi per vivere in comunione con Dio. Lo fanno attraverso la lettura della Parola, l’esempio dei buoni servitori, delle biografie dei santi, nutrendosi quotidianamente della preghiera. Tuttavia, non c’è dubbio che il nutrimento più prezioso per una vita spirituale di qualità sia l’Eucaristia.

Dobbiamo rivolgere tutta la nostra attenzione a questo mistero, a questa presenza viva di Gesù in mezzo a noi, e nutrirci di Lui, che è colui che ci dice: chiunque mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e questa è la vita eterna, che conoscano te, il Dio vero e vivente, e colui che tu hai mandato – già ora viviamo, attraverso l’Eucaristia, la vita in pienezza.

In Brasile, questa festa è molto sentita, attraverso manifestazioni esteriori di processioni, tappeti colorati, musica. Tutto questo è indubbiamente molto buono e ci fa bene, ma non possiamo e non dobbiamo fermarci all’esteriore, dobbiamo entrare nel mistero e vivere questo amore pieno e totale del dono reciproco.

Gesù si dona a ciascuno di noi e noi dobbiamo donarci a lui. In questa donazione che realizza l’amore nella sua pienezza e totalità, Maria, madre dell’Eucaristia, che ha celebrato la prima nel mistero dell’Incarnazione, ci aiuti ad avere Gesù non solo nei nostri pensieri ma, attraverso l’Eucaristia, a renderlo la vita della nostra vita.

Offrire a Dio il nostro meglio. La persona di Melquisedec ha sempre suscitato in me un grande interesse, con la curiosità di sapere chi fosse e perché avesse tanta importanza nella liturgia sacerdotale. Ho consultato il Google della vita, oltre a libri ed enciclopedie, ma non ci sono arrivato.

La grande conclusione a cui sono giunto è, in realtà, nessuna. Tutti dicono di sapere un po ‘di lui, tuttavia, quello che sappiamo è che era un pagano e che andò a visitare Abramo; che ha offerto il pane e, prima di tutto, quello che aveva. Tuttavia, se riflettiamo un po ‘meglio su questa persona, scopriremo due realtà importanti: Uno dei punti è che era un sacerdote e, per il disegno di Dio, divenne, sebbene un pagano, un amico di Abramo, offrendo un sacrificio pacifico per il bene di tutti. E poi, possiamo vedere un preludio di ciò che sarà l’Eucaristia stessa: non più un sacrificio sanguinoso, ma, piuttosto, di pace, di perdono e di amore.

Un altro punto è che Melquisedec è sacerdote per sempre. Egli apre la porta non per un sacerdozio temporaneo, passeggero, ma per un sacerdozio per sempre, e sappiamo che, per Gesù, il sacerdozio non è dovuto a una casta, una famiglia, una tribù, ma è un dono di Dio ed eterno . Ci aiuti il santo e pacifico sacerdote Melquisedec in questi momenti in cui nuvole scure sovrastano i sacerdoti, sapendo che la sua luce, anche di notte, risplende sempre.

Fate questo in memoria di me

Paolo non parla molto dell’Eucaristia, ma dice ciò che conta di più: che ciò che è più importante è il suo contenuto, ma ancor più della parola Eucaristia in sé, parola che non è usata né dagli evangelisti né dall’apostolo Paolo. Sappiamo che l’Eucaristia significa azione di grazie, e Paolo, in poche parole, ci racconta come è avvenuta la prima celebrazione eucaristica: Gesù prende il pane e lo dà, beve il vino e lo dà trasformandoli nella sua carne e sangue, inviando i discepoli a celebrare la sua memoria. Questo è ciò che la Chiesa non ha mai smesso di fare da allora. Ogni volta che ci riuniamo per celebrare questo mistero, è Gesù che ci unisce e vediamo la bellezza della Chiesa, della comunità. Senza l’Eucaristia non avremmo la Chiesa e, peggio, non avremmo la presenza viva di Gesù.

Il pane disceso dal cielo

La mia tentazione è di invitare tutti i lettori a prendersi un pomeriggio di silenzio e stare davanti al Santissimo Sacramento esposto. Guardare Gesù per un’ora buona nell’ostensorio, in silenzio, senza canto e senza parole, e poi leggere attentamente, con calma e con amore il Vangelo di questo giorno (Lc 9,11b-17), che tratta della moltiplicazione dei pani. Chiudere il Vangelo e trascorrere un’altra ora chiedendo a Gesù di parlare al cuore del suo amore.

L’Eucaristia non è qualcosa su cui la scienza, la chimica, lo studio abbiano molto da dire. È un mistero d’amore che può essere compreso solo nella misura in cui amiamo. Il Pane disceso dal cielo non è disceso per tornare in cielo, ma per far tornare noi al cielo, attraverso l’ascensore dell’amore e della fede. Vale la pena ogni giorno, pioggia o sole, avere un appuntamento fissato con Gesù nell’Eucaristia.

Scuola di Preghiera

Solo in comunione con Dio nutriamo le nostre anime. Siamo nuovi Cristo per condividere il pane, essendo come lui: sacerdoti, re e profeti. “Tale missione trova pienezza di senso in Cristo e si può comprendere solo a partire da Lui. In fondo, la santità è vivere in unione con Lui i misteri della sua vita. Consiste nell’unirsi alla morte e risurrezione del Signore in modo unico e personale, nel morire e risorgere continuamente con Lui. Ma può anche implicare di riprodurre nella propria esistenza diversi aspetti della vita terrena di Gesù: la vita nascosta, la vita comunitaria, la vicinanza agli ultimi, la povertà e altre manifestazioni del suo donarsi per amore. La contemplazione di questi misteri, come proponeva sant’Ignazio di Loyola, ci orienta a renderli carne nelle nostre scelte e nei nostri atteggiamenti. Perché «tutto nella vita di Gesù è segno del suo mistero», «tutta la vita di Cristo è Rivelazione del Padre», «tutta la vita di Cristo è mistero di Redenzione», «tutta la vita di Cristo è mistero di ricapitolazione», e «tutto ciò che Cristo ha vissuto fa sì che noi possiamo viverlo in Lui e che Egli lo viva in noi».” (Gaudete ed exsultate, 20).


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *