Formazione

La virtù della generosità come rimedio all’avarizia

Al suo livello più alto, la generosità porta al dono di sé.  Ciò conferisce alla virtù della generosità un tono di sacralità superiore a molte altre virtù.

A virtude da generosidade como remédio para a avareza

Il rimedio per la dipendenza dall’avarizia è la virtù della generosità.  Questa è una qualità di coloro che sono disposti a sacrificare qualcosa che è loro a beneficio degli altri.

Forse una delle definizioni più belle e semplici di questa virtù si trova nell’espressione: uscire da se stessi.  Il rimedio più efficace raccomandato dai santi contro l’avarizia.

Questa virtù trova un posto fondamentale nella descrizione dello stesso mistero cristiano.

Dio è una continua uscire da se stesso: nella Santissima Trinità una Persona Divina esce da se stessa per amare l’altro;  nel mistero dell’Incarnazione, il Figlio lascia il seno trinitario per venire incontro agli uomini;  nella sua vita pubblica, Gesù si fa in quattro per incontrare il ferito;  nel suo insegnamento, il Signore insegna ai discepoli ad uscire e ad annunciarlo;  nel mistero pasquale.

Cristo esce da se stesso, offrendo la propria vita, per salvare;  nel mistero eucaristico, perpetuato fino ai giorni nostri, Gesù esce da se stesso per essere presente nel pane e nel vino per comunicarci con lui.

Un bene per l’altro

Un atto di generosità implica perdere, poiché consiste nel dare qualcosa che è mio a chi ne ha bisogno. Questo bene, indipendentemente dalla sua natura (sia materiale, spirituale, tempo, abilità, ecc.), cessa di essere esclusivamente mio e diventa anche dell’altro per edificarlo.

Per questo la generosità è direttamente collegata al sacrificio.

Una persona generosa è disposta a sacrificare per il bene degli altri qualcosa che ha, qualcosa che gli appartiene.

Al suo livello più alto, la generosità porta al dono di sé.  Ciò conferisce alla virtù della generosità un tono di sacralità superiore a molte altre virtù.

La logica del Regno di Dio

Il termine sacrificio significa, etimologicamente, rendere santo, e ciò si realizza per il principio dell’amore: quando perdo qualcosa per amore dell’altro, questo qualcosa diventa santo.  La generosità, infatti, significa diventare più poveri.

Sullo stampo di Cristo, che “si fece ricco e si fece povero, per arricchirci con la sua povertà” (2 Cor 8,9).

“Cristo è la condivisione suprema di se stesso fatta dal Padre, offerta per la comunione tra Lui e l’uomo, la comunione del Padre, del Figlio, dello Spirito, dei figli e dei beni di tutti che sono, in fondo, i beni del Padre” (Emmir Nogueira,  Leandro Formolo: il segreto della Divina Provvidenza, pagina 104, Ed. Shalom).

La generosità porta la gratuità come caratteristica intrinseca.  Il motore principale degli atti generosi è l’amore, che dà senza aspettarsi di ricevere nulla in cambio.

5 consigli per crescere in generosità

Ora prendi la medicina per l’avarizia in 5 dosi:

1- Preghiera: il primo passo per crescere nella generosità è togliere il nostro cuore (in una visione ampia: pensieri, sentimenti, affetti) dalle cose terrene e metterlo nelle cose dell’Alto.

 Lo coltiviamo attraverso la preghiera.  Garrigou-Lagrange dice che Dio “ci fa usare le cose terrene come se non le usassimo, senza collegare ad esse il nostro cuore” (Garrigou-Lagrange, le tre età della vita interiore – tomo II).

2- Riconoscere che tutto viene da Dio: è necessario riconoscere che tutti i beni con cui ci relazioniamo vengono, in primo luogo, da Dio, che si prende cura di noi mosso solo dal suo infinito amore.

Essere consapevoli che tutto è un dono divino darà origine a gratitudine, lode e gioia.  Allo stesso tempo, ci farà crescere nell’abbandono come figli e allontanerà la paura di condividere per paura di essere abbandonati.  Dio è un Padre che si prende cura di noi!

3- Dare ai beni il loro giusto posto: dobbiamo essere chiari che i beni non sono un fine, ma solo un mezzo.  Nell’amministrazione e nel rapporto con i beni bisogna sempre tendere al bene comune e alla gloria di Dio.

Non dobbiamo lasciare che la preoccupazione per i beni occupi più spazio nella nostra vita del necessario.  Dobbiamo lavorare, essere responsabili, ma sapere che il nostro non è nelle mani degli uomini, ma di Dio.  “Non preoccuparti di cosa mangerai;  “Cercate le cose del Regno e ogni altra cosa verrà in aggiunta” (cfr Mt 6).

4- Dona il superfluo: analizza ciò che è veramente necessario e riconosci che non ti serve di più.  Tutto ciò che non è necessario è superfluo e finisce per essere un peso per noi.  Liberarsi di ciò di cui non abbiamo bisogno è un buon esercizio per crescere in generosità.

A questo punto, è importante riconoscere che ci sono molte cose che riteniamo necessarie ma che non lo sono!  Spesso i media creano in noi bisogni che non sono reali e di cui possiamo sbarazzarci facilmente.

5- Condividere in modo concreto: così come l’avarizia si traduce in cose concrete, anche la generosità deve farlo.  Un distacco interiore è inutile a meno che non ce ne sia un segno esterno.  Vorremmo solo convincerci di essere poveri.

Cristo insegna questa massima evangelica quando dice “dà senza aspettarti di ricevere” (cfr Lc 6,35) e dà l’esempio più alto e più perfetto di questa virtù attraverso il sacrificio di sé.

Dice padre Raniero Cantalamessa:

“Il corpo senza anima viene ucciso, l’albero senza frutto è sterile e il frutto senza sapore è insapore;  così è anche la povertà materiale, se non è accompagnata dalla povertà in spirito.  (…) Mai nel cristianesimo è stata inculcata la povertà spirituale disincarnata.  (…) D’altra parte, né il Vangelo né la Chiesa hanno mai canonizzato la povertà materiale in sé, o hanno valutato l’eroismo della povertà basandosi unicamente sul grado di povertà “.  (Raniero Cantalamessa, Povertà)

Esempi di condivisione concreta sono il ritorno della comunione dei beni, la decima, le opere di carità, le donazioni, l’aiuto ai fratelli bisognosi nella dimensione materiale, tra gli altri.

In questo spirito, Papa Francesco dice:

“Se vuoi sapere se sei un buon cristiano… Sì, devi pregare, devi cercare di avvicinarti alla comunione, alla riconciliazione… Ma il segno che il tuo cuore si è convertito è quando la conversione arriva alle tasche.  Se sei generoso con gli altri, aiuti i più deboli, i più poveri: quando neghi il tuo interesse.  Quando la conversione arriva là, allora sappiamo che è una vera conversione.  Se sono solo parole, gesti, non è una buona conversione “.  (Udienza generale mercoledì 21, Sala Paolo VI del Vaticano, Papa Francesco)

Che il Signore ci dia la grazia di essere sempre più simili a Lui, che “da ricco si è fatto povero per arricchirci della sua povertà”.

 

Traduzione: Valeria Cerroni

 


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *