Formazione

L’itinerario di Pietro e il nostro itinerario

La vita dei santi ha il potere di portarci via da una spiritualità troppo disincarnata e ci dà l’umiltà di capire che un santo non è colui che non ha mai peccato, ma che alla fine ha permesso a Dio di vincere.

comshalom

La Chiesa ci presenta la vita dei santi con un duplice obiettivo: essere intercessori nel nostro viaggio verso il Cielo ed essere modelli di imitazione di Cristo. Quando vediamo i loro esempi di vita, ci sentiamo spesso incoraggiati: erano come noi, deboli come noi, sono caduti come noi, ma perseveravano e permettevano alla grazia di Dio di lavorare sempre più in essi. La vita dei santi ha il potere di portarci via da una spiritualità troppo disincarnata e ci dà l’umiltà di capire che un santo non è colui che non ha mai peccato, ma che alla fine ha permesso a Dio di vincere.

Pietro è uno di coloro che ci insegna molto, perché la sua vita è segnata dalla sua incoerenza e fragilità.  Sappiamo tutti chi è: uno dei primi discepoli di Gesù, uno dei più intimi e più vicini al Signore (possiamo ricordare che è il discepolo più menzionato nei Vangeli, più di 100 volte e nelle situazioni più diverse, che mostrano come lui stava con Gesù in vari momenti – cura della suocera, pagamento delle tasse del tempio, trasfigurazione, orto, ecc.). Sappiamo anche che i piani di Dio per Pietro non erano piccoli: è chiamato ad essere un “pescatore di uomini”, ad essere il primo tra gli apostoli, a conservare le chiavi della Chiesa.  Sì, Dio voleva molto da Pietro.  Ma ciò non significa che Pietro avesse molto da dare. É stata la grazia di Dio e il cammino di discepolato che Gesù seguì con questo apostolo, che lo stava plasmando per la santità. E quanto è interessante e bello vedere questo percorso nella vita di Pietro, in cui i suoi doni vengono rafforzati e le sue debolezze vengono esposte e integrate nella sua vita.

I punti deboli di questo apostolo rivelano un paradosso (molto simile a noi stessi …). In lui si uniscono coraggio e paura, punti di forza e di debolezza, “sì” e “no”, luce e oscurità.

Ad esempio, abbiamo l’episodio in cui Gesù cammina sull’acqua. I discepoli sono nel mezzo di una grande tempesta e Gesù viene a incontrarli sull’acqua. Pietro grida a Gesù: “Maestro, se sei tu, mandami sopra l’acqua accanto a te”, e Gesù lo chiama.  Pietro inizia a camminare coraggiosamente, ma poi inizia a temere il forte vento che soffiava intorno a lui e inizia ad affondare, fino a quando Gesù lo salva e lo mette in guardia dai suoi dubbi.

Un altro esempio è quello della professione di fede di Pietro, in cui a volte afferma che Gesù è il Figlio del Dio vivente, a volte comanda Gesù su ciò che deve fare (e si mette al posto del suo padrone, ricevendo un serio avvertimento da lui)  .

Un altro momento ancora in cui le incongruenze e le contraddizioni di Pietro sono mostrate con commovente chiarezza è durante la passione del Signore. Pietro assume un ruolo di primo piano in tutte le narrazioni della passione del Signore, essendo menzionato più volte (il secondo apostolo più citato per nome nelle narrazioni della passione è Giuda).  Prendiamo tre di questi momenti:

 

1° momento: previsione della sua negazione (Lc 22,31-34)

Secondo Luca, quando erano nel mezzo dell’Ultima Cena, Pietro si rivolse a Gesù e fece una dichiarazione che mostrava tutto il suo amore e la sua volontà di arrivare alla fine con Gesù. Disse: “Signore, sono pronto a venire con te in prigione e morte”, a cui Gesù rispose: “Pietro, ti dico: oggi il gallo non canterà senza che tu abbia negato di conoscermi tre volte”.

Qui puoi vedere la grande incoerenza di Pietro. Era certamente sincero nel dire che voleva andare con il Signore fino alla fine, ma sappiamo tutti dove finì quel coraggio. Pietro aveva molto amore per il Signore, ma non conosceva i suoi limiti, i suoi punti deboli, le sue incapacità. Né conosceva le sue divisioni interne.  Gesù, con grande carità, lo ha aiutato a scoprire se stesso e ad accettarsi.

Anche noi dobbiamo affrontare le nostre incoerenze. Dobbiamo chiedere a Dio la grazia di far luce su ciò che ci è ancora sconosciuto, dobbiamo rimanere saldi sul nostro percorso di conoscenza di noi stessi.

 

2° momento: Nel Monte degli Ulivi (Lc 22,39-54)

Nel Monte degli Ulivi, Gesù, mentre sta per pregare, chiede ai suoi discepoli di vegliare con lui.  Si addormentano e Gesù li avverte (in alcuni vangeli, in particolare a Pietro). Poi le guardie accompagnate da Giuda arrivano per arrestare Gesù. Pietro quindi prende la spada e ferisce uno dei soldati nell’orecchio.

Qui, possiamo vedere che Pietro era disposto a combattere per Gesù, come ha detto prima.  Ma possiamo anche vedere quanto ancora non capisce la logica di Gesù e chi fosse il suo Maestro. Quest’ultimo, che aveva trascorso diversi momenti con lui, che aveva detto diverse parole sulla pace e sulla croce che avrebbe dovuto portare. Pietro voleva ancora fare le cose a modo suo. Voleva ancora fare un passo avanti rispetto al suo Maestro e mostrargli come doveva comportarsi.

Ciò dimostra, ancora una volta, quanto il cuore di Pietro fosse ancora diviso. Chi era il suo padrone: Gesù o se stesso? Non possiamo ancora affermarlo qui. Pietro dovrà ancora continuare il suo cammino affinché Gesù diventi, in effetti, il suo Signore.

 

3° momento: Nel cortile del Sinedrio – le negazioni(Lc 22,54-62)

In questo passaggio, vediamo Pietro negare Gesù tre volte e, ricevendo lo sguardo di Gesù su di lui, esce per “piangere amaramente”.

Abbiamo raggiunto il culmine dell’esperienza di Pietro nella sua fragilità e incoerenza.  Pietro accompagna Gesù, forse perché sperava ancora di “cambiare il gioco”, ma a poco a poco si rende conto che ciò non accade, né accadrà. Quindi nega Gesù. Ma quando il gallo canta, Gesù rivolge lo sguardo su Pietro e lui guarda il Suo. Che bello e misericordioso questo aspetto di Gesù non deve essere stato.  Il testo di Luca dice che dopo questo, Pietro ricorda ciò che Gesù aveva detto ed esce per piangere, pentito.

Qui, possiamo fare un parallelo tra Pietro e Giuda, suggerito dal testo stesso, dal modo in cui sono collocati gli estratti che si riferiscono ai due. Quale sarebbe la differenza tra Giuda e Pietro? Entrambi, in un certo senso, hanno tradito il Signore. Entrambi non capirono le sue parole e preferirono ascoltare se stessi, i propri piani per la salvezza di Israele. Entrambi hanno visto il Signore compiere miracoli e anche lo hanno compiuto guarigioni e miracoli nel nome di Gesù.

La grande differenza tra i due può essere vista, infatti, nel momento della passione. Entrambi tradiscono Gesù e si pentono (vediamo il pentimento di Giuda nel testo di Matteo). Ma Giuda non accettò il perdono del Signore. Non aveva capito cosa aveva detto Lui, per tutta la vita, sul perdono, sulla misericordia per i peccatori e i più deboli. Giuda non capì che il Signore era amore e perdono, si identificò con il suo peccato e i suoi errori.  Si è lasciato usare da Satana.

Pietro, d’altra parte, fu persino massacrato dal Diavolo (cfr Lc 22,31), ma sapeva riconoscere il suo peccato e si è pentito veramente. Pietro non ha fatto finta che non avesse peccato, che non lo avesse negato.  Ma sapeva riconoscere l’amore del Signore per Lui. Sapeva ricordare ciò che il Signore aveva detto, non solo quella notte, sulla sua negazione, ma per tutto il tempo in cui era stato al suo fianco. Quindi, umilmente, sapeva accettare il perdono. Non un perdono che finge che non ci siano stati errori, ma uno che riconosce che il Signore è molto più grande e più buono.

Forse la più grande differenza tra i due era questa: l’umiltà.

È stato l’umile amore di Pietro e l’amore misericordioso di Gesù che gli hanno fatto superare le sue incoerenze. Furono questi due amori che unificarono il suo cuore e gli diedero una grande grazia di castità.  Con un solo cuore indiviso, può dire di sì alla Volontà di Dio e al pastore delle pecore del Signore. Puoi dire di sì alla sua missione ed essere confermato da Gesù in essa. Cadde e si indebolì di nuovo, ma trovò la via per il cuore di Gesù e era disposto a tornare mille volte anche, se fosse stato necessario. Ha scoperto nella sua vita che il Signore perdona fino a settanta volte sette, quindi è anche lui chiamato a perdonare, ad amare.

Così è la nostra vita. “Cadere, alzarsi, perdere, ricominciare da capo”, fa una canzone di un bellissimo spettacolo della Comunità Shalom. La cosa più importante non è voler apparire davanti al Signore con le mani pulite, ma vivere accettando la Sua misericordia in modo che, nel giorno di questo incontro, non guardiamo molto a noi stessi, ma soprattutto a Lui.

Padre Edinardo de Oliveira Jr, CCSh

Traduzione: Valeria Cerroni


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *