Shalom

Perché il nome Shalom?

Sai perché il nome Shalom e come questo nome è venuto per la Comunità?

comshalom

Ciao mamma, sto andando a Shalom! C’è una messa a Shalom domani? Il mio gruppo di preghiera è di Shalom. Ho partecipato ad un ritiro Shalom, è stato fantastico! Sono uscito dall’adorazione e sono andato a prendere un caffè al cafè Shalom. Questa canzone è Shalom, giusto? Il tal dei tali è consacrato a Shalom. Shalom qui, Shalom lì … E così quando facciamo conoscenza della Comunità e quando vogliamo riferirci alla Comunità Cattolica Shalom, ai suoi eventi, ritiri, gruppi di preghiera, Centro di Evangelizzazione, libreria, consacrati, stile di vita, Carisma e tante realtà vissute in ogni dimensione della Comunità.

Ma sai perché il nome Shalom e come questo nome è venuto per la nostra comunità? Sei curioso? Quindi segui la storia dall’inizio.

Tutto è iniziato nel 1972. Esatto! All’epoca, D. Delgado, arcivescovo di Fortaleza, insieme al suo vescovo ausiliare Miguel Câmara, preoccupati per la situazione dei giovani della città, decisero di svolgere un’opera di evangelizzazione con i giovani attraverso incontri e gruppi di preghiera . Per avviare il movimento Youth Encounter dell’Arcidiocesi di Fortaleza, è stato convocato fr. Maurício Labonté, missionario canadese della Congregazione del Sacro Cuore.

Gli incontri miravano a risvegliare la fede nella gioventù, con conferenze sui valori del Vangelo. Gesù fu presentato come un amico molto vicino. I giovani cattolici e le parrocchie della città hanno partecipato alle riunioni del fine settimana, dove il seme è stato piantato nel cuore di molti, risultando in gruppi di giovani anche in collegi e parrocchie.

 

E che cosa ha a che fare tutta questa storia con il nome di Shalom Catholic Community, per l’amor di Dio?

Quattro anni dopo, nel 1976, il giovane studente Moysés Azevedo, partecipando all’incontro dei giovani, ha avuto il suo incontro personale con Gesù. Tale incontro ha cambiato radicalmente la sua vita fino al punto in cui ha preso impegni non solo per la Chiesa, ma per i giovani del Movimento dell’Arcidiocesi e per il gruppo di giovani del college in cui stava studiando.

Col passare del tempo, l’esperienza dell’amore di Dio e della vita del Vangelo si approfondì, specialmente dopo la grazia del Battesimo dello Spirito Santo nel Rinnovamento Carismatico Cattolico (CCRC), rafforzando ulteriormente il cammino di preghiera-vita e l’attività apostolica.

Nel 1980, Moysés offre un dono a Papa Giovanni Paolo II, che fa una visita a Fortaleza per occuparsi dell’evangelizzazione dei giovani abbandonati. Con un ardente desiderio di evangelizzare e di diventare ancora più impegnati a Dio, agli altri, portando ai giovani la vita di Gesù e l’esperienza dello Spirito, l’ispirazione dello snack bar nasce nel cuore del futuro fondatore della Comunità Shalom.

Why the name Shalom?

Ma per quanto riguarda il nome Shalom?

Facile … Bene! Ogni volta che Moysés ascoltava il missionario canadese, il fratello Mauricio, parlava di un “caffè cristiano” in Canada, dove le coppie evangelizzavano giovani tossicodipendenti lungo il bordo della strada, i loro cuori si accesero interiormente e ogni giorno era più ispirato a fare qualcosa di simile per la gioventù di Fortaleza.

Negli scritti della comunità cattolica Shalom il fondatore stesso dice:

Era sabato sera. Ero a casa e mi stavo preparando per andare alla festa di compleanno di uno dei fratelli del gruppo, quando l’ispirazione arrivava ancora più forte: LE COSE DEL MONDO FUNZIONANO! PERCHÉ NON QUALLE DI DIO? SE QUESTA IDEA VIENE DA DIO, PERCHÉ NON FUNZIONERÀ?

 

E poi … dimmi!

Quando arrivò alla festa, senza l’intenzione o il coraggio di condividere nulla con nessuno, era molto premuroso, che catturò l’attenzione di alcuni amici, così decise di condividere timidamente la sua idea. La cena era l’argomento del compleanno, tutti ne parlavano eccitati.

Ad un certo punto qualcuno chiese: “Quale sarà il nome?” Presa di sorpresa, rispose, senza pensare: “SHALOM!”.

In quel momento il giovane Moysés non aveva consapevolezza di ciò che il Signore parlava attraverso la sua bocca e che ispirava, con la parola “Shalom“, un’intera vocazione.

Foto: Ansa

Era Dio, amico!

La comunità cattolica di Shalom è stata inaugurata il 9 luglio 1982, con la presenza dell’Arcivescovo di Fortaleza D. Aloísio Lorscheider, con il riconoscimento canonico degli Statuti Comunitari con lo status di Associazione privata dei fedeli, in ad experimentum per un periodo di 7 anni tenuto il 14 aprile 1998 da D. Claudio Hummes, che era l’arcivescovo di Fortaleza in quel momento.

Oggi la Shalom Catholic Community è un’associazione privata internazionale di fedeli, con identità legale, riconosciuta dalla Santa Sede con il decreto del 22 febbraio 2007, insieme all’allora Pontificio Consiglio per i Laici (le cui competenze e funzioni sono attualmente assunte dal Dicastero per i laici, la famiglia e la vita). Nella stessa data, nel 2012, i suoi statuti hanno avuto la loro approvazione finale.

La parola “SHALOM” significa che la Pace di cui i suoi membri cercano di essere ministri e discepoli è la pienezza della pace nel senso ebraico della parola. Per la comunità Shalom, la pace è Gesù!

Ed erano felici sulla via della e verso la felicità, in direzione del “per sempre“!

Shalom!

Traduzione: Jhoanna Climacosa

 


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *