Formazione

Doni dello Spirito Santo: Dono della guarigione

I Carismi dello Spirito, conferiti a tutti nel Battesimo e intensificati nella Confermazione, sono anche chiamati doni dello Spirito Santo. Con questi doni Lui ci rende capaci di servire la Chiesa di Cristo.

Dons do Espírito Santo: Dom de Cura

Il dono della guarigione è stato uno dei doni vissuti da Gesù durante la sua missione terrena. Questo dono, che fu così abbondante in Gesù, nella sua vita, nella suo missione e nella rivelazione della Sua identità divina, è uno dei Carismi dello Spirito Santo che riceviamo nel battesimo. Esso deve essere manifestato nella nostra vita e missione.

Affinché il dono della guarigione si manifesti, basta che ci sia un malato e un fratello pieno di compassione che preghi affinché il fratello sia curato. Tutti possiedono il dono della guarigione, il problema è che non tutti lo fortificano attraverso la supplica costante allo Spirito Santo e attraverso l’esercizio di pregare per i malati. Il fatto è che quanto più noi ci poniamo al servizio tanto più i carismi si manifestano.

Il dono della guarigione si manifesta in tre forme

Tornando alle tre dimensioni dell’uomo- corpo, anima e spirito (I Ts 5,23), comprendiamo che l’uomo può essere toccato dalle malattie in tutti questi aspetti. Esistono i mali fisici, i mali dell’anima (interiori) e i mali spirituali.

Se siamo colpiti da qualsiasi malattia, abbiamo bisogno di una cura fisica. Se siamo toccati in qualche parte della nostra anima, abbiamo bisogno di una cura interiore. Se siamo colpiti nello spirito , contaminato con false dottrine e allontanato dalla dottrina della salvezza, abbiamo bisogno di una preghiera per la cura spirituale o di una preghiera di liberazione.

Preghiera per la guarigione fisica

Pregare per la guarigione fisica, suppone supplicare il potere dell’amore misericordioso di Dio su tutti i tipi di infermità, da un semplice mal di tesa fino alla cura del cancro e dell AIDS. Dobbiamo pregare nel nome di Gesù, prendendo come base il passaggio Is. 53, 2-6. Dio cura attraverso Gesù Cristo e non perché sappiamo pregare, o perché abbiamo esperienza o perché siamo Santi.

Esistono alcuni modi molto semplici per la preghiera per la guarigione fisica: conoscere la causa della malattia, la diagnosi del medico, l’imposizione delle mani, aprirsi ai carismi, preghiera dell’autorità- pregare nel nome di Gesù.

Preghiera per la guarigione interiore

Nella cura interiore, bisogna raggiungere il cuore addolorato dell’essere umano, così toccato dal peccato, dal dolore, dalla paura, dalle ferite della vita. La medicina prova che molte malattie fisiche hanno componenti emotive. Pregare per la cura interiore è togliere dal cammino queste componenti emotive, che sono pregiudizi, in modo tale che l’uomo una volta libero possa agire sotto l’azione dello Spirito Santo per servire meglio Dio.

Gli psicologi paragonano la mente umana a un iceberg. La parte esterna dell’iceberg che appare sopra all’acqua è il 10% e il 90% sta sotto l’acqua. Riportandolo alla nostra mente, la parte esterna è la nostra mente cosciente e la parte sommersa è la nostra mente incosciente.

È nella nostra mente incosciente che stanno i ricordi umani più profondi. Li sono i nostri traumi, le nostre paure, ricordi, sentimenti repressi etc. Gesù viene per curare i cuori addolorati.

Preghiera per la guarigione spirituale

Chiamata anche Preghiera di liberazione. È un processo di preghiera nel nome di Gesù Cristo, che libera le persone incatenate nel loro spirito, quando sono oppresse da spiriti maligni. Per pregare per la liberazione, basta conoscere il problema della persona colpita e sapere per quale motivo si trova in quello stato. Ordinare che tutta la forza maligna si ritiri dalla vita di questa persona in obbedienza al nome di Gesù Cristo, affinché questa persona sia libera per servire Gesù e lodarlo.

La nostra collaborazione è essenziale

I carismi dello Spirito, conferiti a tutti nel Battesimo e intensificati nella Confermazione, sono anche chiamati i doni dello Spirito Santo. Con questi doni ci rende capaci di servire la Chiesa di Cristo attraverso i fratelli. I carismi sono, quindi, doni potenti per il servizio della comunità cristiana.

Alcune condizioni per ricevere e perseverare nella vita carismatica: semplicità e purezza del cuore; assiduità della meditazione della Parola di Dio; vita di preghiera; desiderio di servire i fratelli come Gesù (Lc 22, 27); perseveranza nella ricezione dei doni spirituali (sempre aperti a essere canali di azione e potenza dello Spirito in noi).

La nostra collaborazione è essenziale. Dio non ci vuole come robot che agiscono in modo indipendente dalla collaborazione o dalla meccanica. Rispetta la nostra libertà e il nostro consenso. Se crediamo, diciamo di sì a ciò che il Signore vuole realizzare in noi. Maria Santissima è il modello della totale apertura: “Sia fatto in me, secondo la Tua parola” (Lc 1,38).

Traduzione: Marina Ercolini

 

_____

Bibliografia consultata

Bíblia Ave-Maria
Estudo Bíblico Enchei-vos
Carismas – Coleção Paulo Apóstolo
O despertar dos Carismas
Catecismo da Igreja Católica
Christisfidelis Laice
Como usar los carismas – Benigno Juanes
Lumen Gentium

_____

Doni dello Spirito Santo: Dono di scienza

Doni dello Spirito Santo: Dono delle lingue

Doni dello Spirito Santo: Dono del discernimento

Doni dello Spirito Santo: Dono della sapienza

Doni dello Spirito Santo: Dono della profezia

Doni dello Spirito Santo: Dono della fede

Doni dello Spirito Santo: Dono dei miracoli


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *