Notizie

Moysés: Celebrare un Congresso Eucaristico è rinnovare la fede e rivisitare l’esperienza fondante del Carisma Shalom

Nel 1980, durante una celebrazione eucaristica, un giovane ha offerto la sua vita a favore dell’evangelizzazione davanti al Papa. E ora ne parla in un evento simile con migliaia di persone, sull’esperienza che ha dato inizio al Carisma.

comshalom

Moysés Azevedo, fondatore della Comunità Cattolica Shalom, ha reso la sua testimonianza al 52° Congresso Eucaristico Internazionale (NEK2020) la mattina di mercoledì 8 settembre.

“Dicsértessék a Jézus Krisztus” inizia così Moysés, scommettendo sull’ungherese e salutando i presenti a NEK2020.  “Lodate nostro Signore Gesù Cristo”, dicendo questo, viene nuovamente applaudito e con un sorriso speranzoso mostra la gioia di essere su quel palco per condividere la Fondazione della Comunità Cattolica Shalom.

Nella sua testimonianza, Moysés è stato molto felice di essere presente e di poter celebrare NEK2020 con la Chiesa.  “Tenere un Congresso Eucaristico è sempre un’occasione per rinnovare la nostra Fede e, per me in particolare, per rivisitare l’esperienza fondante della Comunità Shalom”, dice Moysés.

E proprio questo traguardo della sua presenza all’evento arde del desiderio di rinnovare la consacrazione della vita alla vocazione Shalom, in tutti i membri che si trovavano in questo momento sublime, di persona o virtuali.

Gioia di testimonianza

Moysés ha condiviso la sua testimonianza suddividendola in quattro principi: l’inizio nell’Eucaristia;  una caffetteria per evangelizzare;  l’esperienza in questo tempo di pandemia;  e andare incontro ai “Tommaso di questo tempo”.

“Offro la mia vita, la mia giovinezza per evangelizzare con audacia, creatività e parresia.  Ai piedi del successore di Pietro, davanti all’altare eucaristico, è nata la comunità cattolica Shalom”.

In questa azione, eseguita il 9 luglio 1980, questo giovane audace ha avviato un nuovo progetto di evangelizzazione per la città di Fortaleza, esattamente due anni dopo ha inaugurato la “ Caffetteria Shalom”.

Cibo per corpo e anima

Una caffetteria per evangelizzare, dove ogni piatto riceve un nome religioso, è stata un’idea creativa per entrare nel cuore di chi aveva fame di pane, ma anche di cose di Dio.

La merenda è arrivata in tavola con gioia e il giovane cameriere ha evangelizzato un altro giovane, presentandogli l’amore di Dio condito con formaggio, hamburger e pane.  “L’offerta della nostra vita ha attratto misteriosamente la potenza dello Spirito, un fuoco spirituale che, ardendo nel legno della nostra fragilità, ci spingeva al servizio e alla missione.  Come dice sant’Efren parlando dell’Eucaristia: chi mangia questo pane, mangia il fuoco!”.

Con il passare del tempo i giovani evangelizzavano non solo i giovani, ma anche le famiglie, e così la Comunità prendeva forma, volti e identità.  E già vivendo una vita comunitaria, con la preghiera, il lavoro e la voglia di continuare questa evangelizzazione.

“Posso dire che la sintesi di tutta quest’Opera di Dio, che si è rivelata come Carisma ed è entrata nella nostra vita e opera attraverso di essa, è la parola pronunciata dalle labbra di Gesù Risorto: Shalom. Così, il Signore ci dona sé stesso e la forza della sua risurrezione, spirando il suo Spirito di vita (cfr Gv 20,19ss)”.

La pandemia non ha fermato il lavoro

Moysés Azevedo ha parlato anche delle nuove sfide in questo tempo di pandemia.  Diversi membri della comunità si ammalarono, ma notarono che altri soffrivano molto di più, come i fratelli che vivevano per strada.

“Cosa fare con gli abbandonati?  Tuttavia, sono anche loro membri della nostra famiglia, poiché sappiamo come discepoli di Gesù Cristo che ogni membro della famiglia umana ci appartiene, siamo figli dello stesso Padre”, informa il fondatore.

Aiutando, i membri della Comunità Shalom si sono resi conto che non solo i più poveri hanno bisogno di aiuto, ma che esiste un rapporto di reciprocità affinché i più poveri e i più gravemente feriti della società diventino veri tesori per i membri della comunità.

In questo modo, ispirata dallo Spirito Santo, la Comunità ha avviato nuovi progetti per servire i più bisognosi e continuare ad evangelizzare con audacia e parresia.

Il tocco che risveglia la vita

Moyses cita san Tommaso, uno degli apostoli che, secondo i Vangeli, credette veramente nella risurrezione solo quando toccò le ferite di Gesù.  “Dall’incredulità divenne confessore di fede perfetta: ‘Mio Signore e mio Dio’, racconta.  A volte siamo i Tommaso di questo tempo, ma Cristo che si presenta come Eucaristia ci nutre, nutrendo e soddisfacendo i bisogni dell’anima.

Essere Shalom è portare la pace di un Gesù Risorto che è passato attraverso la croce, e annunciare così la gioia della salvezza.  Pronunciando “Shalom”, mostra il suo “lato aperto”.  Questo “lato aperto” diventa la direzione della vera Pace che il cuore umano cerca, unica vera fonte di vita e pienezza di Felicità.

“Nutriti dall’Eucaristia, diventiamo membra del suo corpo risorto in questo mondo, perché i “Tommaso” del nostro tempo, coloro che sono lontani da Cristo e dalla Chiesa, ascoltando la nostra voce, siano raggiunti dal nostro sguardo e dal nostro tatto nell’Eucaristia, cita Moysés.

Toccando questo lato aperto del Signore, si ha una forte esperienza con il Risorto che è passato per la Croce, che ci motiva a condurre altri in questa stessa esperienza.  In questo modo, si pone l’obiettivo della Comunità Cattolica Shalom di mostrare il volto giovane, vivo e attivo della Chiesa.

I giovani sono l’adesso di Dio

Moysés Azevedo ha ricordato che ieri (8) si è celebrata la nascita della Vergine Maria.  Per questo ha chiesto ai giovani presenti di avvicinarsi all’immagine della Madonna accanto alla Croce, vicino al palco e lì rinnovare la chiamata ad essere testimoni dell’amore di Gesù Cristo nel mondo di oggi.

Dora Jankovszki, 23 anni, ungherese, attualmente postulante della Comunità di Vita Shalom di Budapest.  È stata inviata a Teresina (PI), ma è in attesa del visto per partire in missione.  I giovani erano presenti in quel momento e puoi ascoltare la testimonianza di Moysés a NEK2020.  E racconta come è stata l’esperienza:

“È stato molto speciale, ho provato la stessa esperienza che ha avuto Moysés nel 1982. Mi sono sentito molto grata a Dio per aver vissuto questo momento, ascoltando qui il fondatore che dava la sua testimonianza per noi, per l’Europa, per il popolo ungherese”, ha detto la giovane donna.

“È stata un’esperienza meravigliosa quando ci ha chiesto di farci avanti e offrire la nostra vita”, dice Dora, che afferma di non poter immaginare una vita più felice di una vita missionaria.  “Date la mia vita a Dio per i giovani e l’umanità.  Essendo una risposta al mondo, questo è per me come un dono di Dio per essere stato scelta da Dio”.

Infine, i giovani che erano vicino alla croce con le reliquie dei santi ungheresi hanno detto e fatto una preghiera di rinnovamento e hanno ricevuto la benedizione del cardinale ungherese Péter Erdő.


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *