Shalom

Fondazioni missionarie, ponti per l’eternità

Il desiderio di annunciare Gesù risorto in tutti e quattro gli angoli del mondo motivava i cuori dei missionari come un’eco di ciò che era già nel cuore divino.

comshalom

Lo scorso ottobre abbiamo celebrato l’anniversario della fondazione di cinque missioni della Comunità Cattolica Shalom.  Il desiderio di annunciare Gesù risorto in tutti e quattro gli angoli del mondo motivava i cuori dei missionari come un’eco di ciò che era già nel cuore divino.

Potremmo chiederci: come nascono le fondazioni?  Come si radica un carisma in una cultura? Quanto tempo ci vuole per imparare ad amare la terra di missione?

Vale la pena ascoltare ciò che ci dice santa Teresa: “In questi fondazioni le creature non hanno fatto quasi nulla (F 13,7)” o addirittura “È opera Sua (di Dio)” (F 27,12.16; 28,17). Le missioni a Budapest, Roma, New York e Haifa testimoniano la meravigliosa iniziativa divina e le abbondanti grazie della perseveranza nei vari momenti del loro radicamento.

Evangelizzare con semplicità e umiltà davanti a una città “onnipotente” come New York

Il 22 ottobre 2020, su invito del Vescovo Nicholas di Marzio dell’Arcidiocesi di Brooklyn, è stata fondata la Missione di New York.  I cinque missionari di diverse nazionalità – Brasile, Messico e Francia – si dedicano integralmente all’evangelizzazione in gruppi di preghiera, preparando ritiri ed eventi spirituali e altre attività.

 “Queste parole “semplicità e umiltà” rappresentano fragilità e piccolezza.  Sono due parole paradossali per una città come New York?

Possono essere una grande contraddizione, ma i missionari Shalom le vedono come parole di saggezza per il loro lavoro di evangelizzazione. Si rendono conto che le persone sono attratte da ciò che provoca splendore.  Ma allo stesso tempo, la semplicità attrae.  È attraente vedere coloro che hanno una fede forte vivere come fratelli e sorelle, come persone umili che danno gratuitamente ciò che hanno ricevuto gratuitamente.

In una città dove tutti corrono, trovare un missionario che è disponibile e ha tempo non solo per parlare, ma per ascoltarti, attira l’attenzione. I missionari si vedono come servi deboli e peccatori del Signore, ma allo stesso tempo, facendo affidamento sulla grandezza di Dio, sentono una grande responsabilità nel cercare di essere più disponibili. Essere vicini al popolo di Dio come amici.

In una città del genere bisogna essere creativi. Lo Spirito Santo è il più grande protagonista della creatività. In questa metropoli tutto è organizzato con grande qualità, intensità e creatività.  Pertanto, tutte le idee e l’audacia per l’evangelizzazione di questa città devono venire dallo Spirito di Dio. Egli è il santificatore, il consolatore, l’accenditore, il guaritore di tutti i cuori turbati.

La Comunità Cattolica Shalom di Williamsburg sperimenta che le persone hanno molta sete di Dio.  Sebbene sia una realtà che molti giovani non vogliano andare in Chiesa, ogni volta che vedono la gioia dei giovani missionari consacrati, sono curiosi e aperti a un momento di preghiera e di condivisione.

Infine, aprite nuove strade per vivere il Vangelo, valido per tutti i tempi e per tutti i luoghi, risposta per ogni cuore umano.

Se il chicco di grano non muore, non può dare frutti – Budapest

Veterana rispetto a New York, Budapest 12 anni fa accolse i primi missionari della Comunità Shalom che arrivarono su invito del cardinale Péter Erdő.  Hanno dimostrato, come infatti, se il chicco di grano non muore, non può portare frutto (Giovanni 12,24-26)

I preparativi per il loro arrivo a Budapest sono iniziati nella città di São Paulo (Brasile), dove hanno potuto avvicinarsi alla comunità ungherese e stringere i primi legami con la cultura.

Il loro arrivo nell’autunno del 2009 è stato per loro sorprendente, sia per le basse temperature sia per l’apprendimento della lingua, sfide preliminari che sono state superate grazie all’accoglienza della Chiesa e degli ungheresi.  “Ci siamo sentiti subito accolti, ricordo che ci portarono a scegliere abiti più adatti al freddo ungherese” ricorda Carolina da Cruz, una delle prime missionarie a stabilirsi a Budapest

Annunciare l’eterna novità alla città eterna – Roma

I primi missionari della Comunità arrivarono a Roma il 15 ottobre 1992, memoria liturgica di S. Teresa D’Ávila, baluardo della vocazione Shalom. In questi 29 anni trascorsi nella città eterna, la comunità ha conquistato creativamente terreno nel cuore dei romani, soprattutto dei giovani. In questi anni non sono mancate azioni di evangelizzazione nelle Chiese, nelle piazze, nelle strade, insieme ad altri movimenti e con la Segreteria diocesana per la Pastorale Giovanile.

In modo particolare, l’evangelizzazione acquistò un nuovo slancio mossa in gran parte da due piccoli cenacoli.

 Il 1° ottobre 2019, memoria liturgica di Santa Teresinha do Menino Jesus, la Comunità ha iniziato a coordinare il Centro Internazionale San Lorenzo, situato intorno a Piazza San Pietro e dove è custodita la croce della Giornata Mondiale della Gioventù.

Tra le ultime iniziative per l’evangelizzazione dei giovani, è stata inaugurata la caffetteria SH 82. Questa iniziativa è stata concepita in mezzo a un grande desiderio di avvicinare i giovani più lontani da Dio.

Dal suo concepimento all’inaugurazione è trascorso molto tempo, ma vissuto in spirito di intercessione e discernimento.  “La fase più difficile è stata trovare un luogo adatto: c’erano poche proprietà in affitto e quelle che si potevano trovare, i proprietari non erano disponibili ad accettare il progetto”, ricorda Valentina, una delle missionarie coinvolte nel progetto.  Dopo molte ricerche, un’ex gelateria nel quartiere San Lorenzo, è diventata SH 82, un luogo pensato per favorire l’incontro con Gesù Risorto in un ambiente dove l’accoglienza e la gioia sono il piatto forte.

Shalom, Haifa

La storia del Carisma Shalom in Terra Santa è iniziata il 25 ottobre 2000, su invito del Vescovo melchita di Galilea Pierre Mouallem, i primi due missionari sono arrivati ​​a Rami, villaggio nel nord di Israele, dove i primi tempi di adattamento e ha avuto luogo l’adattamento, l’inculturazione.

Quattro anni dopo, con la presenza di più missionari, la Comunità fu invitata a trasferirsi nella città di Haifa. Lì sono iniziati i primi gruppi di preghiera, così come il lavoro di assistenza in una casa di cura per anziani.

L’evangelizzazione attraverso l’arte è un cammino che si è consolidato nella missione.  In questa direzione, una delle iniziative più innovative è l’Halleluya, festival artistico e musicale il cui obiettivo è raggiungere i giovani lontani dalla Chiesa, la cui prima edizione in Terra Santa risale al 2010.

Oggi l’opera di evangelizzazione della comunità comprende anche la città di Shefaamr e comprende gruppi di preghiera, pellegrinaggi e la “Peace Farm”, una serata dedicata alla preghiera, alla lode e alla condivisione

 Certo, un fondamento è fatto di iniziativa e grazia divina, ma anche di vite che si offrono per amore.  Il tuo popolo sarà il mio popolo (Rt 1,16).  È fatta di comunione, abbeverandosi alla straordinaria ricchezza della Chiesa particolare, si radica con umiltà, in un lavoro incessante della mente e del cuore per sposare la terra che il Signore ha affidato, è fatta di condivisione “Ho né oro né argento, ma quello che ho te lo do”, quello che abbiamo ricevuto dal Risorto lo condividiamo.


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *