Shalom

Shalom ad Algeria apre la Cappella dedicata a San Giuseppe

Il giorno di S.Giuseppe lavoratore, la Missione Algerina ha aperto la Cappella dedicata al Santo, situata all’interno della Cattedrale del Sacro Cuore di Gesù. La cappella, secondo gli organizzatori, era un sogno di Dio e potrà evangelizzare molti di quelli che passano di lì.

comshalom

A maggio la Comunità Shalom in Algeria ha inaugurato la Cappella di San Giuseppe, nella Cattedrale del Sacro Cuore di Gesù, ad Algeri (Capitale dell’Algeria), con la presenza e la benedizione dell’Arcivescovo locale, Don Paul Desfarges.

Secondo il Responsabile locale, P. Jean Fernandes Costa, è stata una grande grazia per la missione: “Dio, nella sua provvidenza, già nella programmazione di quest’anno, ci aveva ispirato di inaugurare questo spazio dedicato a San Giuseppe nella Cattedrale, e non sapevamo che quest’anno sarebbe stato dedicato a lui “.  Dio è sempre fedele e provvidente, e questo nuovo tempo di Shalom in Algeri rivela l’esperienza del Sacro nella Vocazione Shalom in vista del popolo che il Signore ha affidato.

Dopo il ritiro di Servizio delle Autorità Shalom nell’agosto dello scorso anno, i missionari sono stati motivati ​​ad ascoltare da Dio ciò che voleva per ogni missione in questo nuovo tempo stabilito dalla Grazia Divina nella Comunità.  Secondo padre Jean, i fratelli della missione di Algeri hanno pregato e formulato un piano per consolidare alcune realtà, tra cui l’esperienza del sacro.

“Essendo responsabili dell’intera dimensione pastorale e liturgica della Cattedrale di Algeri, abbiamo ritenuto opportuno esprimere il nostro amore e devozione a San Giuseppe attraverso uno“ spazio sacro ”all’interno della Cattedrale.  Avevamo programmato e preparato l’apertura di questo nuovo spazio a marzo, ma quando il Papa ha decretato a dicembre 2021 che sarebbe stata consacrata a San Giuseppe, ci siamo resi conto che il Signore voleva una cappella.  Pertanto, avremmo avuto bisogno di più tempo per completare questo progetto, e abbiamo dovuto posticipare l’apertura a maggio di quest’anno, nel giorno di S. Giuseppe lavoratore”.

La Cattedrale di Algeri, dedicata al Sacro Cuore, è stata costruita a forma di tenda nel deserto, con quattro distinti “spazi” alle estremità dello spazio centrale (navata).  Sul lato destro dell’altare, dalla consacrazione della cattedrale nel 1962, è già presente una cappella del Santissimo Sacramento e, sul lato sinistro, una cappella dedicata alla Madonna, dove, dalla beatificazione dei 19 martiri di Algeria, nel 2018, sono state collocate l’icona originale della beatificazione e le reliquie di questi beati.

La cappella inaugurata in onore a San Giuseppe, in conseguenza di questa nuova epoca, si trova sul lato sinistro dell’altare, in fondo alla Cattedrale (si noti il ​​particolare cerchiato in arancione).

Nella Cappella ancora manca il pannello con l’icona di San Giuseppe, che sarà scritto da una suora della Comunità, missionaria in Tunisia.  Perché, a causa dei confini chiusi a causa della pandemia, era possibile solo avere l’impressione dell’icona inserita in una cornice.  In merito a questo fatto, il Responsabile locale afferma: “un dettaglio interessante per evidenziare la provvidenza di Dio attraverso San Giuseppe è il fatto che abbiamo stabilito dei budget per la stampa dell’icona in una tipografia e per l’assemblaggio del telaio con un artigiano .  Dopo aver saputo che il lavoro sarebbe stato per una cappella nella cattedrale, entrambi ci hanno donato il materiale ”. Vediamo lo stesso San Giuseppe sempre molto previdente in ogni azione e lavoro di questo progetto.

La Comunità Shalom, da quando ha rilevato questa Cattedrale nel 2018, ha sempre cercato di contribuire attraverso il Carisma in diversi aspetti, tra cui lo zelo e la bellezza della liturgia, oltre all’accoglienza.

Questa cappella esprime l’amore e la devozione a San Giuseppe, è un nuovo “spazio sacro” all’interno della Cattedrale che attirerà molti visitatori a conoscere Gesù per intercessione di Giuseppe.

Poiché Dio non cessa mai di stupire con il suo provvedimento, nonostante il contributo spirituale e liturgico, l’esperienza della divina provvidenza si manifesta nei modi più diversi.  Come in Algeria il numero dei cristiani è molto basso (secondo il senso del 2019, circa lo 0,03% della popolazione è cattolica) e non c’è un numero significativo di credenti con cui la Cattedrale possa contare, per diversi anni è stata lasciata senza restauro , ma, a poco a poco, è stato possibile ripristinare gli spazi esistenti e innovare per attirare il popolo algerino.  All’inizio di quest’anno, ad esempio, la cripta è stata completamente restaurata, dove vengono celebrate messe quotidianamente.

“Era molto cupa e le persone che l’hanno vista hanno avuto difficoltà a pregare per lei.  Oggi accade il contrario, molte persone ci ringraziano per aver restaurato la cappella, perché oggi è molto orazionale ”, dice il sacerdote.

All’interno dello spazio si possono ospitare 50 persone.  Ma, se necessario, poiché le sedie nella navata centrale del Duomo sono mobili, è possibile accogliere più persone e l’accesso è libero nella cappella.


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *